IGIENE NATURALE: LA STRANA STORIA DEL DR. ISAAC JENNINGS


.

LA STORIA DEL DR. ISAAC JENNINGS CORRISPONDE

CON LE ORIGINI DEL MODERNO IGIENISMO NATURALE

.

dr Isaac Jennings

 .

 

Come è iniziato l’Igienismo nell’Era Moderna

 .

L’Igienismo moderno, chiamato anche Igiene Naturale, ebbe la sua luce nel 1822 quando il dottor Isaac Jennings, che aveva un ambulatorio medico a Derby, Connecticut (USA), perse ogni speranza sul potere terapeutico dei farmaci. Nel corso della sua lunga carriera di medico aveva notato con dolore che i suoi pazienti continuavano a peggiorare nonostante i farmaci loro prescritti. Molti di questi pazienti diventavano malati cronici, mentre altri giungevano anche a morire anzitempo. Però, il suo desiderio di aiutare i suoi pazienti a stare meglio era davvero encomiabile.

.

Guarigioni senza uso di alcun farmaco

.

Ma cominciamo dall’inizio. Nel 1815, durante un’epidemia, il dottor Jennings si trovò nella impossibilità di prescrivere nessun tipo di farmaco per assoluta mancanza di medicine.  Così il dr.  Jennings diceva ai suoi pazienti che accusavano la sintomatologia epidemica di starsene a casa, bere molti liquidi e riposare. Dopo, Il dr. Jennings non poté far altro che constatare con stupore la loro guarigione senza l’uso di medicamento alcuno.

 .

Basta Farmaci

.

Inoltre il dr. Jennings aveva osservato che i suoi colleghi medici, man mano che invecchiavano, prescrivevano una quantità sempre minore di farmaci. Così anche lui cominciò a fare  come i suoi colleghi più anziani, e  così scoprì che la diminuzione dei farmaci coincideva perfettamente con il miglioramento dei pazienti. Da quel momento cessò di prescrivere farmaci per sempre, una decisione che gli ha portato dei risultati veramente miracolosi.

.

Pillole Placebo a posto di farmaci

.

Quando i pazienti con problemi di vario tipo arrivavano nell’ambulatorio del dottor Jennings, egli distribuiva loro pillole di pane e bottigliette di acqua colorata, con precise istruzioni per l’uso, uguale come  facevano i suoi colleghi medici con i farmaci. Tuttavia, c’era una piccola differenza nel caso del dottor Jennings, le sue nuove ricette stavano lanciando nel mondo un nuovo grande movimento  della Salute e la Scienza dell’Igienismo stava vedendo i suoi albori. Dal 1822, all’età di trentaquattro anni, cominciò a dare ai suoi pazienti degli innocui placebo, dicendo loro di prenderli con un bicchiere d’acqua, in determinate ore del giorno. 

.

Seguiva consigliando che durante questa cura non dovevano prendere nessun tipo di cibo, altrimenti le pillole non avrebbero funzionato. Inoltre chiedeva loro di fare questa cura per alcuni giorni, e passato questo tempo,  di ritornare per un controllo. Una volta che il medico effettuava il controllo del paziente, questi poteva porre fine alla cura, o continuarla ancora per alcuni giorni.

.

Con la nuova strategia avviata dal Dr. Jennings, i suoi pazienti cominciarono a migliorare. E mentre questi  recuperavano la salute e prosperavano, i pazienti degli altri medici stavano riempiendo i loculi dei cimiteri. Da quel momento si sparse la sua fama ovunque, e gli ammalati iniziarono ad arrivare a lui da ogni parte del mondo.  

.

Sistema del “No-Farmaco” e metodo del “Non Fare Nulla”

.

Il successo che il dottor Jennings ottenne attraverso il suo sistema del “No-Farmaco” sorprese i suoi pazienti, i suoi colleghi ed anche se stesso. Saggiamente, egli non rivelò a nessuno i suoi “segreti”, ma cominciò a cercare le ragioni scientifiche  che avevano reso possibili queste guarigioni.  Chiamò i suoi  trattamenti come il metodo del ‘Non Fare Nulla’, nel frattempo diceva che la sua cura si  basava sulla somministrazione di pillole e sciroppi la cui composizione era segreta e doveva rimanere sconosciuta. Queste pillole di pane giunsero ad essere considerate dal popolo come pillole con magici poteri  curativi.

 .

ORTOPATIA

 .

Da questo inizio, poco chiaro anche a lui stesso, il dr. Jennings cominciò a elaborare alcune regole, basandosi sulle sue osservazioni ed esperienze. Il Sistema che emerse dalle sue ricerche lo denominò “Ortopatia” o azione corretta. Formulò molte delle “Leggi” fondamentali della vita e denominò alcune di loro come di seguito:

 .

La legge dell’azione, vale a dire la necessità dell’attività fisica del riposo (sonno).

 .

La legge del riposo, vale a dire la necessità del riposo e del sonno.

 .

La legge dell’economia, che  emerse dalla osservazione fatta dal modo in cui il corpo gestisce le sue energie vitali.

 .

La legge della distribuzione fisiologica, vale a dire, come il corpo somministra le energie vitali a tutti gli organi  in maniera adecuada.

 .

La legge della stimolazione, come il corpo accelera le sue attività fisiologiche fino a raggiungere un livello frenetico quando si introduce nel corpo una sostanza tossica o velenosa. Corrisponde a suonare il campanello d’allarme per un pericolo già in atto.

 .

La legge dell’accomodamento, come il corpo si adatta  ai veleni, ai farmaci e alle sostanze tossiche, diminuendo la sua resistenza vitale e  proteggendosi dagli effetti nocivi delle tossine. Il corpo crea progressivamente un meccanismo di difesa, simile ad un esercito che funge da barriera difensiva agli attacchi dei nemici.

 .

La legge della limitazione, vale a dire, la prevenzione dai rifiuti dell’energia vitale da parte della natura. La conservazione delle energie vitali.

 .

La legge dell’equilibrio, cioè, la rivitalizzazione delle parti e delle facoltà più indebolite, quando un organismo  malato ha recuperato la salute.

 .

La causa delle malattie è dovuta alla diminuzione dell’Energia Vitale del corpo

 .

Il Dr. Jennings osservò che la malattia non sorgeva  a causa di un attacco esterno da parte di qualche entità malvagia, ma che aveva come origine un calo dell’energia vitale del corpo, oppure,  quando questo calo si verificava perchè l’energia veniva dirottata dal corpo per il perseguimento di altri scopi più  urgenti ed importanti ai fini della stessa sopravvivenza dell’organismo. Partendo da questo nuovo punto di vista, egli affermò che la causa della malattia non era altro che la riduzione dell’approvvigionamento energetico del corpo. Le sue convinzioni erano corrette, tuttavia la mancanza di seguaci che avrebbero dovuto costruire sui pilastri che egli aveva posto, lasciavano incompleta la sua opera. Comunque, nonostante questo, possiamo affermare senza timore di errore, che il dottor Jennings deve essere considerato come il padre dell’Igienismo o Igiene Naturale, dato che fu il primo a tentare di sviluppare uno studio sistematico della fisiologia della salute e della malattia.

 .

 

Note:

 .

Dopo quindici anni di attività medica senza uso di farmaci, il dr, Jennings non riuscì più a mantenere il suo segreto e  pensò bene di rivelarlo al mondo. I suoi  colleghi medici rimasero sorpresi e sconcertati da queste rivelazioni, alcuni suoi pazienti arrivarono al punto di denunciarlo come impostore per essere stati ingannati, ma la maggioranza di essi – benché confusa dal trucco (farmaco=placebo) usato per guarirli – lo incoraggiò a continuare, dicendogli: “Se lei riesce a guarirci senza medicine può continuare a rimanere il nostro medico”. Il Dr. Jennings continuò dunque il suo lavoro, affermando che il sistema basato sui farmaci era sbagliato, perché questi ultimi – invece di curare la gente – in realtà ostacolavano la guarigione o trasformavano la malattia originaria in malattia generata dai farmaci (malattia iatrogena).

 .

 

“Non c’è alcuna forza curante al di fuori del corpo” 

 .

 

Elaborò quindi un modello terapeutico in cui la malattia ed i suoi sintomi (sotto forma di febbri, eruzioni cutanee, tosse, diarrea, ecc…) non sono altro che gli sforzi del corpo per liberarsi dalla tossiemia. L’Università di Yale gli conferì una laurea ad honorem come riconoscimento del grande successo che ottenne sostituendo le pillole con i placebo. La malattia (intesa come corredo sintomatologico) è invece il tentativo del corpo di ritrovare la salute, una scelta vitale e fisiologica finalizzata alla guarigione. “Non c’è alcuna forza curante al di fuori del corpo.”  Il dr. Isaac Jennings ricordava sempre: “Non potrai mai far star bene il tuo corpo se lo avveleni. Venticinque anni in cui ho prescritto farmaci e 33 anni in cui non ne ho prescritti mi hanno fatto arrivare alla conclusione che i farmaci sono inutili e nella maggior parte dei casi dannosi, e questo vale per tutti coloro che vogliono conoscere la verità.” 

 .

 

Conclusione: La natura non ci abbandona mai

 .

Quando permettiamo all’Intelligenza Interna che tutti abbiamo dentro di noi, in ogni nostra cellula, di agire liberamente, allora comincia a svilupparsi in noi  un sistema di protezione della vita già geneticamente programmato in noi, il cui compito è quello di pulire e riparare i danni che procuriamo al nostro corpo, per quanto è ancora possibile. Il Sistema Immunitario inizia a sviluppare una messa a punto dell’apparato corporeo, un’armonizzazione energetica di tutti gli organi del corpo. Ma questo si verificherà solo se “lasciamo fare” al corpo. Questo “Lasciar fare” al corpo comincia quando si decide di nutrirsi consapevolmente  di una maniera sana e compatibile col nostro apparato digerente, mettendo da parte quanto più possibile, tutti i comuni e contaminanti alimenti tossici forniti dalla nostra industria alimentare.

 .

 

Disintossicazione generale di ciascun organo del corpo

 .

Questa operazione apparentemente semplice permetterà al corpo di reindirizzare lo spreco giornaliero di energia per una disintossicazione generale di ciascun organo del corpo. Questo fenomeno naturale si prenderà il suo tempo, possono essere giorni, mesi o anni, a seconda di quanto il corpo è intossicato o danneggiato. Ciò potrebbe causare la disperazione in alcuni, abituati alle soluzioni rapide ed alle vie della medicina moderna, che considera “guarita la malattia”, quando il sintomo scompare. Per la Natura, queste non sono soluzioni reali, prima o poi ci sarà presentato il conto e questo si manifesterà con gli stessi problemi di prima, o peggio, con un qualcosa di più terribile e inquietante, che in alcuni casi andrà oltre la comprensione umana. Ma quando si cammina nel rispetto delle sue Leggi, la Natura non ci abbandona mai.

 .

Sebastiano.

.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: