ALOHA E SCIAMANESIMO HUNA: I Sette Princìpi (6)


.

I Sette principi degli Sciamani Huna

per trasformare la tua vita

.

Parte sesta

.

Questo è il settimo ed ultimo principio:

.

7. Il risultato è la misura della Verità.

.

La filosofia Sciamanica Huna è un sistema eminentemente pratico. Non propone nè verità assolute nè metodi unici. Secondo questa filosofia, anche questi  sette principi sono anch’essi relativi. Le idee sono strumenti efficaci per raggiungere la felicità ed il benessere nella vita, però esistono e si possono proporre altre verità ugualmente valide ed efficaci per raggiungere la felicità ed il benessere. Solo dai loro risultati potremo valutare la validità e l’efficacia di un metodo o di un’idea.

.

Ogni Verità è sempre relativa

.

Pertanto questo settimo  principio sostiene che tutto è relativo in termini di verità e di metodi. La filosofia Sciamanica Huna  afferma che soltanto il risultato è il parametro unico per riconoscere l’efficacia di una verità. Praticamente essa dichiara che possiamo  sapere se qualcosa è vero o no dagli effetti che produce. Ciò implica che ciò che è verità per qualcuno può non esserlo per altri, e che ciò che funziona per alcuni può non funzionare per  altri. Ed è naturale che questo succeda, perchè tutte le verità sono relative.

.

La dottrina Huna non è una sterile dialettica filosofica

.

Propone inoltre un modo di dirigere l’attenzione verso la vita: essa si propone di bandire la sterile dialettica filosofica  e di ricercare ciò che è efficace, che è pratico e che funziona, ed attraverso di esso trovare la Verità. Questo principio dice anche che ci sono sempre molti modi diversi di fare le stesse cose, per raggiungere i risultati desiderati, perché sottindende l’idea che ci possono essere molti modi efficaci per ottenere una stessa cosa.

.

L’Amore produce armonia

.

Un’altra idea, meno evidente, implicito in questo principio, se considerata alla luce dell’insieme di tutti i 7 principi è che sono i mezzi a determinare i fini. Mezzi armonici producono effetti armonici e mezzi disarmonici producono effetti disarmonici. Da questo punto di vista c’è efficacia solo quando il risultato è armonioso e come abbiamo visto,

.

c’è armonia solo quando c’è l’Amore.

.

Aloha, Sebastiano.

.

ALOHA E SCIAMANESIMO HUNA: I Sette Princìpi (5)


.

I Sette principi degli Sciamani Huna

per trasformare la tua vita

.

Parte quinta

.

Questo è il sesto principio:

.

6. Tutto il potere viene da dentro.

.

Tutto in natura ha potere. La potenza è energia diretta verso uno scopo. Quindi in natura tutto ha un suo scopo. Ne consegue che ogni aspetto di ogni cosa, e ogni essere in natura ha il suo scopo.

.

Gli esseri umani, come ogni cosa dell’universo, hanno un certo potere. Questo potere si esprime nei diversi aspetti o livelli dell’essere, come potenza fisica, emozionale, mentale e spirituale. Di solito si dice di avere  più o meno potere.

.

Connessione con la Fonte dell’energia

.

Secondo  la filosofia dello Sciamanismo Huna, ciò che in realtà abbiamo  è la maggiore o minore  connessione con la Fonte dell’Energia, quindi maggiore o minore scorrimento dell’Energia nel nostro sistema psico-fisico e la maggiore o minore capacità di dirigere intenzionalmente questa energia verso un nostro obiettivo prefissato.

.

Il collegamento alla Fonte dell’Energia può essere inteso fondamentalmente in tre modi diversi, a seconda delle credenze che si hanno al riguardo:  collegamento con le Fonti interne, con le Fonti esterne o con entrambe contemporaneamente. 

.

Esistono più Fonti di energia

.

Dal punto di vista di questa antica filosofia Hawaiana noi non siamo l’unica Fonte di energia esistente nell’Universo e nemmeno l’ultima, perché tutto ciò che esiste ha un suo  potere intrinseco nell’universo. Come abbiamo detto, noi possiamo generare il nostro proprio potere e possiamo anche connetterci a Fonti di potere che sono fuori di noi, per accrescere il nostro potere.

.

La Potenza dell’Universo è infinita.

.

Perciò, come l’Universo è infinito, così la Potenza dell’Universo è anche infinita. Quanto più siamo collegati con l’Universo tanto più grande sarà il nostro potere. Ma questa connessione dipende esclusivamente da noi.

.

Avere potere significa assunzione di responsabilità e di decisioni, in modo che siamo noi che decidiamo (consciamente o inconsciamente) quanto, come e quando stabilire questo collegamento con il nostro Potere individuale o con altri Poteri al di fuori di noi, come la potenza di altri esseri, della natura e del cosmo.

.

Più Amore  più Potenza

.

Questo è il motivo per cui quanto più Amore abbiamo, più Potenza abbiamo, perché siamo più uniti e più collegati a più Fonti di Potere. Quando le  diverse Fonti di Potere sono connesse e in  armonia tra loro, esse ne beneficiano reciprocamente, si influenzano favorevolmente ed in questo modo si realizzano le finalità di tutte le parti in relazione, e questo è in sintonia con gli scopi del Tutto. Per questo motivo

.

non c’è Potere più grande del Potere dell’Amore.

.

Aloha, Sebastiano.

.

 

ALOHA E SCIAMANESIMO HUNA: I Sette Princìpi (2)


.

I Sette principi degli Sciamani Huna

per trasformare la tua vita

.

Parte seconda

.

Il principio n. 2 dichiara:

.

2. “Non ci sono limiti”

.

Chi non ha mai avuto l’esperienza di star pensando a una persona e subito dopo ricevere una sua  chiamata? o, al contrario, aver avuto l’impulso di chiamare qualcuno e scoprire che quella persona stava pensando a lui proprio in quel momento? E come questi si potrebbero citare molti altri esempi  per rendersi conto di uno dei tanti significati di questo principio Huna, e cioè: che

.

Tutto è collegato. 

.

In termini di Spirito, di Energia e di informazione non c’è nessuna  separazione, non ci sono confini o limiti: tutto ciò che esiste è collegato insieme e comunica con l’uno con l’altro. La nostra mente comunica con il nostro corpo e viceversa, le persone comunicano tra di loro , le persone interagiscono con l’ambiente intorno a loro e l’ambiente con le persone, ecc.

.

Riceviamo ed emettiamo informazioni,

.

e siamo collegati spiritualmente ed energeticamente a tutto ciò che ci circonda, anche se per motivi diversi non ne siamo pienamente consapevoli. La telepatia e la chiaroveggenza, per esempio, sono possibili proprio per questo motivo.

.

Siamo in grado di ricevere e trasmettere informazioni da e verso tutto ciò che ci circonda, indipendentemente dalla distanza alla quale si trova colui col quale vogliamo metterci in contatto, proprio perché non ci sono limiti.

.

 Tutto  è possibile

.

L’altro significato di questo principio ha a che fare col fatto che tutto  è possibile, ossia, che  non c’è limite alle possibilità. Nel campo della scienza, dell’istruzione, della tecnologia e dell’informatica, ci sono molti esempi di cose che erano considerate impossibili,  ma che ora non lo sono più. 

.

La scienza e la tecnologia ci hanno permesso di trascendere i limiti del nostro sistema percettivo.

.

Come tutti sanno, sono stati inventati  strumenti in grado di captare e trasmettere segnali energetici che i nostri sensi naturali non possono percepire, vedi le onde radio e televisive che trasportano suoni e immagini nell’aria, in una maniera del tutto invisibile ai nostri cinque sensi.

.

Ora possiamo vedere  cose, attraverso questi strumenti, che fino a poco tempo fa era considerato impossibile di poter vedere e che erano completamente sconosciuti all’uomo. Fino a poco tempo fa si pensava che i bambini con sindrome di Down avevano ben  poche possibilità di apprendimento. Oggi, con programmi e metodi adeguati,  questi bambini riescono ad imparare molto  più di quanto ci si poteva solitamente aspettare.

.

 Tutto è possibile, se  sappiamo come farlo

.

Il punto è che tutto è possibile se  scopriamo come farlo e se manteniamo flessibili  le nostre aspettative riguardo ai risultati ed ai metodi che usiamo. Questo principio non dice che tutto è possibile per un particolare individuo in un certo tempo, luogo e modo. Ma dice che tutto è possibile in termini più universali. 

.

Per rendere possibili certe progetti si richiede passione, dedizione e lavoro d’equipe di un gruppo di individui. Per altri invece, è necessario che si verifichino prima  alcune circostanze affinchè dopo   le altre siano rese possibili.

.

Ma il punto è questo

.

Che se pensiamo che qualcosa è possibile,  in qualche modo  possiamo  contribuire affinchè  sia possibile, mentre, se non crediamo che una cosa sia possibile realizzarla, è certo non stiamo collaborando affinchè lo sia, anzi la stiamo sabotando.

.

I limiti che ci auto-imponiamo

.

Individualmente, la stragrande maggioranza delle persone  hanno idee (consce o inconsce) sull’immagine di se stessi, su ciò che sono, fino a che punto possono realizzarsi nella vita, quali sono i suoi pregi e le sue carenze. Si tratta di idee vecchie e limitanti che stabiliscono limiti invalicabili alle loro possibilità. 

.

Una vecchia sentenza sempre smentita dai fatti: “Non è possibile”

.

E ‘importante notare che  questi limiti auto-impostici sono solo delle mere supposizioni limitanti,  e non limiti “reali” su ciò che è o non è possibile per noi. Questa asserzione ci dovrebbe far riflettere parecchio, se consideriamo come sono stati osteggiati nel passato proprio le più innovative scoperte scientifiche con la sentenza inappellabile “non è possibile”.

.

E così non era possibile che una nave tutta in lamiera potesse galleggiare, non era possibile che un oggetto pesante potrebbe sollevarsi dal suolo e volare, non era possibile che una carrozza potesse muoversi senza cavalli, come non era possibile che la terra era rotonda e non piatta, oppure come non erano possibili tante altre cosa che sarebbe lunghissimo elencare. 

.

Possiamo andare oltre i nostri limiti

.

se scopriamo come farlo, cioè come trasformare l’immagine bloccata che abbiamo di noi stessi, se riusciamo a cambiare i nostri pensieri e le nostre azioni e se inoltre ci manteniamo  flessibili per quanto riguarda le nostre aspettative, i metodi usati e i risultati attesi.

.

Aloha. Sebastiano.

.

ALOHA E SCIAMANESIMO HUNA: I Sette Princìpi (1)


.

I Sette principi degli Sciamani Huna

per trasformare la tua vita

.

Parte prima

.

La filosofia  Huna è una filosofia dell’antica Polinesia

.

La dottrina Huna è una filosofia di vita e un percorso psico-spirituale,  che si è sviluppata nella Polinesia antica e di cui non se ne conosce l’origine esatta, ad opera degli sciamani hawaiiani, detti Kahuna. Huna significa “conoscenza nascosta”, nel senso dell’aspetto invisibile delle cose, o “ciò che non si vede semplicemente con l’occhio. “

.

Huna è un sistema  sciamanico di guarigione

.

E’ anche un sistema  sciamanico di guarigione e di crescita personale (non solo un insieme di tecniche), che comprende una propria visione del mondo,  principi filosofici universali  e una concezione dell’essere umano basata sull’armonia,  idee che sono applicabili in tutti i paesi del mondo , in tutte le attività umane e in tutti i settori della vita . 

.

L’obiettivo fondamentale di questo sistema

.

è principalmente quello di armonizzare le relazioni umane, sia con sè stessi che con gli altri, con l’ambiente in cui viviamo e con le varie circostanze che la vita ci propone, ed inoltre, di integrare insieme  nella nostra vita quotidiana la componente spirituale con quella umana, e raggiungere pienamente tutti i nostri obiettivi .

.

Lo Sciamanesimo Huna è un sistema pragmatico,

.

che si basa sulla conoscenza dei processi della natura e dell’essere umano e soprattutto  della loro verifica attraverso l’esperienza. L’Huna cerca di integrare (e mai di dissociare) i diversi aspetti di sé e della realtà così com’è.

.

Questo percorso non è né dogmatico, né pretende di essere l’unico sistema valido di sviluppo personale.

.

 Si tratta in pratica di una disciplina psico-spirituale che favorisce la consapevolezza,

la libertà, la capacità di focalizzare l’attenzione  volontariamente, di lasciar scorrere il libero  flusso delle energie, la liberazione  dai condizionamenti restrittivi acquisiti fin dalla nascita, la ricerca della pace con tutti e della collaborazione con la vita, la capacità di discernimento e di scelta, l’intuizione interiore, la comunicazione con il mondo spirituale e con la propria Coscienza Superiore, l’efficacia dell’azione, la flessibilità e la creatività nell’applicare i metodi e i concetti Huna, in modo che ogni persona  possa utilizzarli secondo le proprie esigenze e le proprie inclinazioni naturali.

.

Lo Sciamanesimo Huna è quindi una filosofia pratica di vita,

che era già radicata nella antica  cultura polinesiana e in altre discipline similari che si praticavano tra gli sciamani. La  parola Huna ha diversi significati. Ma in questo contesto, significa fondamentalmente nascosto o segreto, nel senso di qualcosa che non possiamo vedere chiaramente ad occhio nudo.

.

Serge Kahili King, sciamano e psicologo americano,

ha contribuito notevolmente a spiegare in termini moderni questa antica filosofia ed a diffonderla, sia nel suo paese che nel resto del mondo. E’ una filosofia che, a mio parere, esprime in concetti chiari, semplici ed espliciti delle verità universali.

.

Essa postula sette principi, che possono essere considerati strumenti psico-spirituali e pratici per:

.

a) Organizzare la nostra esperienza della realtà

·

b) Trasformare la nostra esperienza della realtà

·

c) Crescere e sviluppare il nostro potenziale latente

·

 d) Raggiungere obiettivi e mete di qualsiasi tipo

·

e) Generare una maggiore prosperità, armonia,  fiducia e  potere nella nostra vita

.

E questi semplici principi possono essere applicati ad ogni aspetto delle esperienze umane. Alcune persone associano erroneamente la semplicità di questo sistema con la superficialità, oppure confondono il complicato che c’è in altre discipline, come indice di profondità spirituale, ma  nel sistema Huna questo tipo di ragionamento non è  valido. Nonostante la sua semplicità  i principi della filosofia Huna abbondano di profondità spirituale.

.

Ogni singolo principio è una dichiarazione precisa,

ma dalla quale si possono estrarre diversi significati. Ed ogni significato ha a sua volta una serie di implicazioni diverse  di ordine pratico e filosofico, la cui comprensione e applicazione ci conduce a livelli sempre più significativi di trasformazione interiore.

.

Perseveranza e continuità nelle pratiche

.

Ma allo stesso tempo, proprio a causa della sua semplicità, questi principi possono risultare difficili da applicare, l’uomo tende sempre naturalmente a complicarsi la vita anche dove non ce ne bisogno. Comunque, come per ogni apprendimento, la parte più difficile è di solito all’inizio, dove si richiede di creare delle nuove abitudini di vita, di praticarle e di esercitarsi in esse.

.

In generale, e questo potrebbe sembrare strano, ma  la difficoltà più grande consiste nel dimenticarsi, in un lento oblio o per pigrizia mentale,   di ricordarsi di praticare questi princìpi sistematicamente e di continuare a farlo, anche quando non si registrano risultati immediati. La perseveranza è la base del successo in ogni impresa.

.

Sebbene ogni principio è già uno strumento efficace in sé stesso, esso è nello stesso tempo  parte di un insieme che le dà un senso più completo. Pertanto, quando selezioniamo un particolare principio per lavorare su una determinata situazione, è opportuno utilizzarlo considerando tutto l’insieme di cui fa parte.

.

Ma veniamo all’esposizione di questi sette principi Huna:

.

Il primo principio è:

.

1. Il mondo è ciò che si pensa che sia.

.

Il pensare è preso qui in senso ampio, che comprende le idee, le credenze, le convinzioni, le ipotesi e le immagini mentali, sia nel suo aspetto conscio che in quello  inconscio. Questo principio afferma in buona sostanza che i nostri pensieri contribuiscono a creare la nostra esperienza della realtà.

.

Questo principio può essere compreso sia a livello letterale delle parole, che in un’altro  più metafisico o esoterico. 

.

Da un punto di vista letterale ciò che afferma è che non sono i fatti che determinano la nostra esperienza della realtà, ma sono piuttosto le idee, i giudizi e le interpretazioni che noi diamo di questi fatti a determinare la nostra realtà. Per esempio, ottenere una promozione sul lavoro è un dato di fatto.

.

Questo cambia la nostra realtà, ma questo cambiamento non dipende principalmente dai fatti che sembra l’abbiano determinato, ma questo cambiamento è principalmente frutto  delle nostre credenze e convinzioni (consce e inconsce) su noi stessi come individuo.

.

Spieghiamo meglio.

.

Se pensiamo, ad esempio, che siamo adatti a ricoprire questo nuovo ruolo, che lo  meritiamo,  che esso  favorisce la nostra maturità umana e spirituale, allora avremo come conseguenza questo particolare tipo di esperienza: cioè una promozione.

.

Se pensiamo invece che il nuovo lavoro implica una responsabilità troppo grande per noi, che non siamo all’altezza per questo lavoro o che qualcun altro è più preparato di noi per quel ruolo, allora la nostra esperienza sarà certamente molto diversa, e perfettamente in linea con le nostre credenze, le nostre convinzioni, e le nostre aspettative. Perciò è giusto affermare che noi abbiamo creato  la nostra realtà attuale, e che continuiamo a crearla giornalmente coi nostri pensieri, qualunque essa sia. E che,in definitiva, noi siamo quindi gli unici responsabili della realtà in cui ci troviamo.

.

Il potere delle credenze e delle convinzioni

.

In un modo meno evidente, ciò che afferma questo principio  è che erano  le nostre credenze e le nostre convinzioni quelle che hanno contribuito alla promozione. Diciamo per meglio dire cooperato perché noi non controlliamo completamente la nostra realtà. Perchè la nostra realtà è il risultato di una confluenza di diverse altri variabili fuori dal nostro controllo. Le nostre convinzioni possono facilitare o meno la promozione, ma non possono determinare che ciò accade in un particolare momento o luogo.

.

L’immagine che abbiamo di noi stessi,

.

le convinzioni su come siamo e ciò che sono i nostri talenti e le nostre carenze creeranno delle opportunità nella vita aprendo alcune strade e chiudendone  altre, faciliteranno certi obiettivi e non altri. In relazione all’esempio della promozione, si potrebbe dire che se, in generale, crediamo di poter ottenere una migliore lavoro, più è probabile che lo otterremo. Non possiamo forzare una promozione, però possiamo creare le condizioni favorevoli per un lavoro migliore nel momento opportuno.

.

 i pensieri sono energia elettromagnetica

.

Da un punto di vista più metafisico ed esoterico, la pretesa alla base di questo principio è che i pensieri sono energia elettromagnetica. I pensieri sono una forma molto sottile di materia, sono energia. Questa energia ha la capacità di attrarre circostanze, come una calamita, e di cristallizzarsi in ciò che chiamiamo realtà oggettiva.Cosa significa questo? che l’energia dei pensieri, quando  hanno abbastanza forza o carica energetica, è in grado di creare forme e avvenimenti. Quello  che noi siamo e le nostre circostanze le hanno create i nostri pensieri. Questo è il succo di questa prima dichiarazione

.

Riprendendo l’esempio della promozione sul lavoro, potremmo dire che una forte convinzione sulla nostra capacità di ottenere una posizione migliore può attrarre concretamente questa possibilità e manifestarla oggettivamente in un momento favorevole. Forse la coincidenza vedere un annuncio sul giornale, quando di solito non leggiamo il giornale, o un amico che ci chiama per darci l’informazione giusta, o il nostro stesso capo che inaspettatamente ci offre  una posizione superiore. Il pensiero “Sono convinto di poter trovare un lavoro migliore” si manifesta concretamente in una catena di eventi che possono confluire in un’offerta di un lavoro migliore.

.

Chiariamo meglio questo concetto a scanso di equivoci,

.

quanto affermato non significa che individualmente possiamo concretizzare tutto quello che vogliamo in qualsiasi momento. Per generare energia sufficiente a manifestare qualcosa spesso abbiamo bisogno di un’intera comunità o di un  gruppo di persone che pensino nella stessa direzione.

.

Per raggiungere la luna,

.

per esempio, si è dovuto attendere che molta gente lo pensasse possibile. Molto prima che hanno cominciato i preparativi concreti per questo viaggio, questo progetto era solo una fantasia di pochi, ma fu realizzato  soltanto quando molti credettero possibile raggiungere la luna.

.

 I nostri pensieri sono co-creatori della nostra realtà

.

Quando hanno la forza sufficiente i nostri pensieri possono produrre effetti sul nostro corpo, sulla nostra salute, e sul  nostro rapporto con noi stessi e con gli altri. Possono anche manifestare i nostri desideri, obiettivi e progetti. I nostri pensieri agiscono come co-creatori della nostra realtà. In linea generale,  pensieri positivi creano una eccellente salute fisica, i pensieri  armoniosi generano relazioni armoniose,  credenze  e convinzioni di prosperità e ricchezza, creano le condizioni per vivere una vita di prosperità economica e financo di ricchezza eccessiva.

. . .

 . . . Continua la seconda parte con l’esposizione del secondo principio Huna.

.

Aloha, Sebastiano.

.

 

CARO AMICO TI SCRIVO – HO’OPONOPONO


.

LETTERA APERTA AL CORPO UMANO

.

Caro amico, ti scrivo: Tu sei per me una persona speciale, sei il mio amico più prezioso e fedele.

.

Elogio al corpo umano

.

Lavori instancabilmente per me, 24 ore su 24.

Mi permetti di fare le mie esperienze nel mondo.

Mi fai camminare, correre, vedere, ascoltare, toccare, gustare, odorare.

Ti affatichi a digerire ciò che mangio, e in cambio mi restituisci forze sempre nuove.

.

Sei una sentinella che veglia sulla mia salute, sempre pronto a difendermi da microbi, batteri e virus.

Tu sei sempre impegnato a guarirmi, anche quando io non me ne accorgo, tu mi stai proteggendo.

.

Ingratitudine verso il corpo

.

Ed io? Io non ti ho mai ringraziato.

Ho preso tutto come una cosa dovuta.

Non ti ho mai detto: “Grazie, sei più che un amico!”

Non ti ho mai detto: “Ti voglio bene! Ti Amo!”

.

Non ti ho mai detto: “Mi Dispiace per tutte quelle volte che ti ho fatto soffrire, ingoiando sfrenatamente cibo in eccesso, o ingerendo volontariamente sostanze velenose (Alcool, sigarette, droga).

.

Non ti ho mai detto: “Per favore, Perdonami, per averti trattato peggio di una bestia da soma.

.

Non ti ho detto neanche una volta: “Mi Dispiace, Perdonami, Grazie, Ti Amo mio prezioso e fedele corpo.

.

Faccio tutto io

.

Io, con la mia Mente Razionale, ho sempre preteso di poter fare tutto da solo.

Ti ho ignorato, come se tu non esistessi. Ho ignorato il tuo immenso potenziale.

Ti ho lasciato solo, in balia di tante false credenze limitanti.

Inconsciamente ho rinunziato al tuo aiuto ed a una tua più piena collaborazione.

.

Aloha, Dio in te

.

Non riuscivo a scorgere che dietro le apparenze della materia, si celava una perfetta riproduzione della Divinità.

Tu sei un’estenzione della Inesauribile Fonte Divina .

.

Tu sei connesso alla Inesauribile Fonte Divina, da cui sgorga Energia e Intelligenza.

Tu sei Colui che guarisci te stesso. Tu hai delle capacità illimitate di guarigione e di ringiovanimento.

.

Assenza di un dialogo interiore

.

Ed io non ho mai avuto nessun dialogo con te, eppure tu mi hai sempre amato.

Mi hai sempre servito fedelmente, nonostante io non ti abbia considerato.

.

Grazie, Mi Dispiace, Perdonami, Ti Amo

.

Oggi voglio dirti un enorme “Grazie”, per tutti i grazie che non ti ho detto mai.

Voglio dirti “Mi Dispiace! Scusami!” per averti trattato come una cosa senza valore.

.

Voglio dirti “Per Favore, Perdonami!” per non averti compreso.

Voglio dirti “Ti Amo! Ti Voglio tanto bene!” Voglio toccarti e accarezzarti con gioia. Voglio manifestarti il mio amore e la mia gratitudine.

.

Noi siamo UNO

.

Mio caro corpo ti amo, mio caro corpo mi amo, Ti voglio bene, Mi voglio bene.

Ti apprezzo, Ti accetto e Ti approvo così come sei. Mi apprezzo, Mi accetto e Mi approvo così come sono.

Non c’è più nè tu nè io. Perchè tu ed io siamo Uno.

.

Sebastiano

.

 

HO’OPONOPONO: CHI E’ IL RESPONSABILE?


Dr. Ihaleakala Hew Len

.

IL METODO DI GUARIGIONE HO’OPONOPONO – 17 

 .

 Chi è il responsabile?  3/3

di Ihaleakala Hew Len, Ph.D.

.

 

Da fare con le memorie una volta e per sempre,

devono essere pulite solo una volta e per tutto.

.

Era il 1971 in Iowa che mi sono innamorato per la seconda volta. La cara M, la nostra figlia, era nata. Quando osservavo mia moglie prendersi cura di M, mi sentivo sempre più innamorato di entrambe. Avevo due meravigliose persone da amare adesso. Dopo aver finito la scuola superiore nello Utah, quell’estate, mia moglie ed io avevamo due scelte: o ritornare a casa alle Hawaii o continuare l’apprendistato come diplomato nell’ Iowa.

.

Quando cominciò la nostra vita nello Stato Hawkeye, ci colpirono immediatamente due problemi. Il primo, M non smise mai di piangere da quando la portammo a casa dall’ospedale! Il secondo è che fu il peggior inverno nella storia dell’Iowa. Al mattino per settimane dovevo dare un calcio alla porta d’ingresso da dentro del nostro appartamento e colpire i lati con le mani per rompere dall’altra parte il ghiaccio che ci bloccava. Circa al suo primo anno, tracce di sangue apparivano sopra le lenzuola di M.

.

Solo ora comprendo che i suoi continui pianti erano dovuti ai gravi problemi di pelle che furono diagnosticati più tardi. Ho pianto per molte notti, mentre guardavo M dormire agitata, grattandosi. Le medicine di steroidi si mostrarono impotenti per lei. Dall’età di tre anni, il sangue gocciolava continuamente dalle fessure nelle pieghe dei gomiti e delle ginocchia di M. Il sangue stillava dalle fessure intorno alle giunzioni delle dita delle mani e dei piedi. Grossi strati di pelle dura coprivano le parti interne degli arti ed intorno al collo.

.

MORRNAH E L’ HO’OPONOPONO

.

All’improvviso mi è venuto di girare l’auto in modo inconsapevole, ed mi sono diretto verso il mio ufficio in Waikiki. “Oh, gente dovevate venirmi a fare visita”, Morrnah disse quietamente mentre noi tre entravamo nel suo ufficio. Mentre spostava le carte dalla sua scrivania, pose il suo sguardo a M. “Vuoi chiedermi qualche cosa?” disse dolcemente.

.

M allungò entrambe le braccia rivelando anni di dolore ed afflizione incisi su di loro, come papiri Fenici. “OK”, rispose Morrnah, e chiuse i suoi occhi. Che cosa stava facendo Morrnah? Il creatore dell’Identità del Sé Ho-oponopono stava facendo l’Identità del Sé di Ho-oponopono. Un anno dopo, tredici anni di emorragie, cicatrici, dolori, afflizioni e cure se ne andarono.

.

5 Maggio 2005

 .

Per l’Identità del Sé essere Identità del Sé momento per momento richiede un incessante Ho-oponopono. Come le memorie, l’incessante Ho-oponopono non deve mai andare in vacanza. L’ incessante Ho-oponopono non deve mai andare in pensione. L’ incessante Ho-oponopono non deve mai dormire. L’ incessante Ho-oponopono si deve mai fermare… “…nei tuoi giorni di gioia considera che  il male ignoto (le memorie ricorrenti) si formano dietro!”

.

30 Giugno 2005

 .

Lo scopo della vita è essere l’Identità del Sé, poiché la Divinità ha creato l’Identità del Sé nelle sue esatte sembianze, Vuoto ed Infinito. Tutta le esperienze di vita sono espressioni di memorie ricorrenti e di Ispirazioni. La depressione, i pensieri, i rimpianti, la miseria, l’odio, i risentimenti e la rabbia sono “…le lamentele prima dei pianti” come Shakespeare aveva scritto in uno dei suoi Sonetti. La Mente Conscia deve scegliere: può iniziare l’incessante pulizia oppure può permettere alle memorie di ripetere incessantemente i problemi.

.

12 Dicembre 2005

 .

Lavorare solo con la coscienza è ignorare il più prezioso dono della Divina Intelligenza, l’Identità del Sé. E per questo, c’è ignoranza in quello che è realmente il problema. Questa ignoranza sfocia in soluzioni del problema non efficaci. La povera anima si tiene questa paura incessante e non necessaria per tutta la sua esistenza. Quanto è triste. La Mente Conscia ha bisogno di essere risvegliata dal dono dell’Identità del Sé “… preziosa al di là di ogni comprensione”. L’Identità del Sé è indistruttibile ed eterna come il suo Creatore, la Divina Intelligenza. La conseguenza di questa ignoranza è la falsa realtà senza senso e la continua miseria, malattie, guerre e morte per generazioni.

.

24 Dicembre 2005

 .

 RISTABILIRE L’IDENTITA’ DEL SE’

 .

Lo stato fisico è l’espressione delle memorie e delle Ispirazioni che stanno nell’Anima dell’Identità del Sé. Cambia lo stato  dell’Identità del Sé e lo stato del mondo fisico cambia. Chi è responsabile… le ispirazioni o le memorie ricorrenti? La scelta è nelle mani della Mente Conscia. Qui ci sono quattro processi di risoluzione dei problemi Ho-oponopono che possono essere applicati per ristabilire l’Identità del Sé, attraverso il vuoto delle memorie, che replicano i problemi nella Mente Subconscia.

.

“Ti amo”. Quando la tua anima vive i problemi replicati delle memorie, dì mentalmente o silenziosamente “ Ti amo, cara memoria. Ti sono grato per l’opportunità di liberare tutte voi e me compreso. “Ti amo” può essere ripetuto con calma per molte volte. Le memorie non vanno mai in vacanza o in pensione, a meno che non le mandi in pensione tu. “Ti amo” può essere usato anche se non sei consapevole del problema.

.

Per esempio può essere applicato prima di fare qualunque attività, ad esempio, fare o rispondere ad una telefonata o prima di entrare nella tua auto per andare in qualche posto. Ama i tuoi nemici, fai del bene a coloro che ti odiano. Gesù dal Vangelo di Luca 6.

.

27 Dicembre 2005 (Un salto indietro nel 2005)

.

Ho avuto l’idea alcuni mesi fa di un glossario raccontato dei “tratti” essenziali dell’Identità del Sé Ho-oponopono. Potete rendervi edotti di ognuno di questi a vostro piacimento.

.

1. Identità del Sé. Io sono l’Identità del Sé. Sono composto di quattro elementi: la Divina Intelligenza, la Mente Super Conscia, la Mente Conscia e la Mente Subconscia. Le mie fondamenta, Vuoto ed Infinito sono l’esatta replica della Divina Intelligenza.

.

2. Divina Intelligenza: Sono la Divina Intelligenza. Sono l’Infinito. Creo le Identità del Sé e le Ispirazioni. Trasmuto le memorie nel vuoto.

.

3. Mente Super Conscia: Io sono la Mente Super Conscia. Supervisiono la Mente Conscia e Subconscia. Rivedo e faccio gli appropriati cambiamenti per la Mente Conscia, nelle invocazioni Ho-oponopono alla Divina Intelligenza.  Sono insensibile alle memorie ricorrenti della Mente Subconscia. Sono sempre uno con il Divino Creatore.

.

4.Mente Conscia: Sono la Mente Conscia. Ho il dono della scelta. Posso permettere alle memorie incessanti di imporre la loro esperienza alla Mente Subconscia e me, oppure posso iniziare a liberarmi di loro attraverso un incessante Ho-oponopono. Posso formulare le invocazioni verso la Divina Intelligenza.

.

5. Mente Subconscia: Io sono la Mente Subconscia. Sono il magazzino di tutte le memorie accumulate dall’inizio della creazione. Sono il luogo dove le esperienze vengono vissute come memorie ricorrenti e come Ispirazioni. Sono il luogo dove i problemi vivono come conseguenze delle memorie.

.

6. Vuoto: Sono il vuoto. Sono il fondamento dell’Identità del Sé e del Cosmo, sono da dove sorgono le Ispirazioni dalla Divina Intelligenza, l’Infinito. Le Memorie ricorrenti della Mente Subconscia mi spostano ma non mi distruggono, precludendo l’arrivo delle Ispirazioni dalla Divina Intelligenza.

.

7. Infinito: Sono l’Infinito, la Divina Intelligenza. Le Ispirazioni fluiscono come fragili rose da me verso i Vuoto dell’Identità del Sé, facilmente rimuovibili dai tuoni delle memorie.

.

8. Ispirazione: Sono l’Ispirazione. Sono una creazione dell’Infinito, della Divina Intelligenza. Mi manifesto dal Vuoto nella Mente Subcosciente. Sono vissuta come un nuovo avvenimento.

.

9. Memoria: Sono la memoria. Sono una registrazione nella Mente Subconscia del passato. Quando attivata, riproduco le passate esperienze.

.

10. Problema: Sono il problema. Sono una memoria ripetuta di una esperienza passata che è ancora nella Mente Subconscia.

.

11. Esperienza: Sono l’esperienza. Sono l’effetto delle memorie ricorrenti o le Ispirazioni della Mente Subconscia.

.

12. Sistema Operativo: Sono il Sistema Operativo. Agisco con l’Identità del Sé, con il Vuoto, Ispirazione e Memoria.

.

13. Ho-oponopono: Sono Ho-oponopono. Sono un antico processo Hawaiano di risoluzione dei problemi, aggiornato per l’uso contemporaneo da Morrnah Nalamaku Simeona, Kahuna Lapa’au, riconosciuta come Tesoro Vivente delle Hawaii nel 1983. Sono composto da tre elementi: pentimento, perdono e trasmutazione. Sono una richiesta iniziata dalla Mente Conscia alla Divina Intelligenza per svuotare le memorie e ristabilire l’Identità del Sé. Comincio con la Mente Conscia.

.

14. Pentimento: Io sono il pentimento. Sono l’inizio del processo di Ho-oponopono iniziato dalla Mente Conscia, come richiesta alla Divina Intelligenza di trasmutare le memorie nel vuoto. Con me, la Mente Conscia riconosce le sue responsabilità dei problemi che le memorie ricorrenti nella sua Mente Subconscia hanno creato, accettato ed accumulato.

.

15. Perdono: Sono il Perdono. Insieme al Pentimento, sono una richiesta dalla Mente Conscia al Divino Creatore per trasformare le memorie dalla Mente Subconscia nel vuoto. La Mente Conscia è dispiaciuta, ma anche chiede alla Divina Intelligenza il perdono.

.

16. Trasmutazione: Sono la trasmutazione. La Divina Intelligenza mi usa per neutralizzare e liberare le memorie nel Vuoto della Mente Subconscia. Sono disponibile solo per l’uso della Divina Intelligenza.

.

17. Abbondanza: Sono l’Abbondanza. Sono l’Identità del Sé.

.

18. Povertà: Sono la Povertà. Sono le memorie ricorrenti. Mi sostituisco all’Identità del Sé, precludendo l’infusione delle Ispirazioni dalla Divina Intelligenza nella Mente Subconscia! Auguro la pace che va oltre ogni comprensione.

.

O Ka Maluhiano meoe.

La Pace sia con voi.

Ihaleakala Hew Len, Ph.D.

Chairman Emeritus

The Foundation of I, Inc. Freedom of the Cosmos 

 .

ALOHA

.

Questo report è liberamente distribuibile a condizione di non modificare in nessuna parte il contenuto e citando sempre la fonte. ©  www.ho-oponopono.info

.

Sebastiano

.

HO’OPONOPONO: CHI E’ IL RESPONSABILE?


 .

IL METODO DI GUARIGIONE HO’OPONOPONO – 16 

 .

 Chi è il responsabile?  2/3

 .

di Ihaleakala Hew Len, Ph.D.

.

22 Marzo del 2005

 .

L’esistenza è un regalo dalla Divina Intelligenza. Ed il dono è dato per il solo scopo di ristabilire l’Identità del Sé attraverso la risoluzione dei problemi. L’Identità del Sé Ho-oponopono è la versione aggiornata di un antico metodo Hawaiano di risoluzione dei problemi con il pentimento, perdono e trasmutazione.

.

Non giudicare e non sarai giudicato.

Non condannare e non sarai condannato.

Perdona e sarai perdonato.

Gesù nel Vangelo di Luca cap. 6

 .

Ho-oponopono coinvolge la piena partecipazione di ognuno dei quattro elementi dell’Identità del Sé: la Divina Intelligenza, la Mente Super Cosciente, la Mente Cosciente e la Mente Subconscia, lavorando insieme come una unica Unità. Ogni elemento ha la sua specifica parte e funzione nella risoluzione del problema delle ripetizioni delle memorie nella Mente Subcosciente. La Mente Super Conscia è senza memorie, non coinvolta dalle memorie ricorrenti della Mente Subconscia. È sempre unita con la Divina Intelligenza.

Perciò la Divina Intelligenza si muove come si muove la Mente Super Conscia. L’Identità del Sé funziona con l’Ispirazione e la memoria. Solo una di loro, la memoria o l’Ispirazione, possono prendere il comando della Mente Subconscia in un dato momento. L’Anima dell’Identità del Sé serve solo un padrone per volta, generalmente il tuono della memoria, invece che la rosa dell’Ispirazione. Una casa che viene divisa non può stare in piedi.

Abraham Lincoln, Presidente degli Stati Uniti

.

30 Aprile del 2005

 .

“Sono l’auto-consumatore dei miei dolori.” John Clare, Poeta

.

Il Vuoto è il terreno comune, il livellatore, delle Identità del Sé, sia “animate” che “inanimate”. È il fondamento indistruttibile ed eterno dell’intero cosmo visibile ed invisibile. Noi temiamo questa verità che è di per sé evidente, che tutti gli Uomini (la vita in tutte le forme) sono stati creati uguali (Thomas Jefferson, Dichiarazione d’Indipendenza).

 .

MEMORIE RICORRENTI 

 .

La memorie ricorrenti tolgono il terreno comune dell’Identità del Sé, portando via l’Anima della Mente dalla sua naturale posizione di Vuoto ed Infinito. Sebbene le memorie spostino il Vuoto, non lo possono distruggere. Come può il nulla essere distrutto?

Le memorie ricorrenti spostano il Vuoto della Identità del Sé, precludendo le manifestazione dell’Ispirazione. Per rimediare a questo spostamento, per ristabilire Identità del Sé, le memorie devono essere trasformate nel vuoto attraverso la trasmutazione della Divina Intelligenza.

.

“PULISCI, cancella e trova il tuo Shangri-La. Dove? Dentro te stesso.”

Morrnah Nalamaku Simeona, Kahuna Lapa’au

Non la torre di pietra, non i muri di ottone battuto,

Non le prigioni senz’aria, non i forti anelli di ferro,

Possono essere d’impedimento alla forza dello spirito.

William Shakespeare, Playwright

.

12 Maggio del 2005

 .

La Mente Conscia può iniziare il processo Ho-oponopono per rilasciare le memorie oppure le può utilizzare per rimproveri e pensieri.

.

1. La Mente Conscia attiva il processo di risoluzione del problema Ho-oponopono, una invocazione alla Divina Intelligenza di trasmutare le memorie nel vuoto. Riconosce che il problema sono le memorie che si ripetono nella sua Mente Subconscia. E che è responsabile al 100% di questo. L’ invocazione muove verso il basso dalla Mente Conscia alla Mente Subconscia.

2. Il flusso verso il basso dell’ invocazione nella Mente Subconscia gentilmente muove le memorie verso la trasmutazione. L’ invocazione poi si muove verso l’alto alla mente Supercosciente dalla Mente Cosciente.

3. La Mente Super Cosciente riguarda l’ invocazione, facendo gli appropriati cambiamenti. Poiché è sempre in sintonia con la Divina Intelligenza, ha la capacità di rivedere e fare i cambiamenti. L’ invocazione è inviata verso la Divina Intelligenza per la revisione finale e le considerazioni.

4. Dopo che l’ invocazione rivista è stata spedita dalla Mente Super Conscia, la Divina Intelligenza rimanda l’energia trasmutata alla Mente Super Conscia.

5. L’energia trasmutata poi fluisce dalla Mente Super Conscia alla Mente Conscia.

6. E l’energia trasmutata poi fluisce in basso dalla Mente Conscia alla Mente Subconscia. L’energia tramutata per prima cosa neutralizza le relative memorie. Le energie neutralizzate sono poi rilasciate in un contenitore, lasciando il vuoto.

.

12 Giugno del 2005

 .

I Pensieri ed i rimproveri sono memorie ricorrenti.

L’Uomo della Storia di Legge

.

O improvviso dolore, che sempre sei vicino al prossimo,

Sia immensamente benedetto! Cosparso di amarezza,

La fine della gioia è in tutti i nostri lavori terreni!

Il dolore occupa l’obiettivo al quale siamo concentrati.

Ma il tuo pensiero rassicurante non ne è da meno,

e nei tuoi giorni di gioia tieni in mente

che il male ignoto si forma dietro di te.

Geoffrey Chaucer, Cantebury

 .

ALOHA

 

.

Questo report è liberamente distribuibile a condizione di non modificare in nessuna parte il contenuto e citando sempre la fonte. ©  www.ho-oponopono.info

.

 Sebastiano.

.

HO’OPONOPONO: CHI E’ IL RESPONSABILE?


 .

IL METODO DI GUARIGIONE HO’OPONOPONO – 15 

.

 Chi è il responsabile?  1/3

 .

di Ihaleakala Hew Len, Ph.D.

.

Anche questo che segue è un testo che si trova diffusamente in internet e che viene consigliato di leggere a chiunque si accinga a d utilizzare la tecnica Ho-oponopono:

.

“Vi ringrazio per essere qui con me a leggere questo articolo. Vi sono grato. Amo l’Identità del Sé di Ho-oponopono e la cara Morrnah Nalamaku Simeona, Kahuna Lapa’au, che così gentilmente la condivise con me nel Novembre 1982. Questo articolo si basa sui pensieri che ho annotato nel 2005 nel mio quaderno degli appunti.”

.

9 gennaio del 2005

.

I problemi possono essere risolti senza sapere per che diamine ci sono! Accorgermi ed apprezzare questo è puro sollievo e gioia per me. La risoluzione di problemi, parte dello scopo per cui esistiamo, è quello che riguarda la Identità del Sé di Ho-oponopono. Per risolvere i problemi, si devono fare due domande:

.

Chi sono io?

.

Chi è il responsabile?

.

La comprensione della natura del cosmo inizia con l’intuizione di Socrate: “Conosci te stesso”.

.

21 gennaio del 2005

.

Chi è il responsabile?

.

Molte persone, incluse quelle della comunità scientifica, considerano il mondo essere come una entità fisica. Le attuali ricerche sul DNA per identificare le cause ed i rimedi per le malattie del cuore, il cancro ed il diabete sono gli esempi principali di questo. L’Intelletto, la Mente Conscia, crede di essere il risolutore del problema. Per questo controlla quello che succede e quello che sta sperimentando.

Nel suo libro “Illusione dell’Utente: Tagliare a pezzetti la Coscienza”, il giornalista scientifico Tor Norretranders disegna un diverso quadro della Coscienza. Fa citazioni su ricerche, in particolar modo quelle del Professor Benjamin Libet della University of California di San Francisco, che mostrano come le decisione sono fatte prima che sia la Coscienza a farle. E che l’Intelletto non è consapevole di questo, credendo di essere lui a decidere.

.

Modelli

 .

Da momento della mia nascita

All’istante della mia morte

Ci sono dei modelli che devo seguire

Proprio come devo respirare ogni respiro.

Come un ratto nel labirinto

Il percorso di prima inganna

Ed il modello non cambia mai

Fino a quando il ratto muore.

Ed il modello rimane ancora

Sul muro dove cade l’oscurità

E si adatta dove dovrebbe

Perchè nell’oscurità devo stare.

Come il colore della mia pelle

O il giorno in cui divento vecchio

La mia vita è fatta di modelli

Che possono difficilmente essere controllati.

Paul Simon, Poeta

.

Norretranders cita anche ricerche che mostrano come l’Intelletto è cosciente solo di 15-20 bit per secondo di informazioni, contro i milioni che agiscono al di sotto della sua consapevolezza! Se non è l’Intelletto, la Coscienza, chi è il responsabile?

.

8 febbraio del 2005

 .

Le Memorie ricorrenti impongono quello che la Mente Subconscia prova. La Mente Subconscia si fa sentire indirettamente, imitando e facendo da eco alle memorie ricorrenti. Si comporta, vede, sente esattamente come impongono le memorie. La Mente Conscia opera pure senza consapevolezza, attraverso la ripetizione delle memorie. Loro impongono quello che subiamo, come dimostrano le ricerche.

.

La Legge di Causa Effetto

 .

L’Identità del Sé Ho-oponopono

.

Il Corpo ed il Mondo risiedono nella Mente Subcosciente come creazione di memorie ricorrenti, raramente come Ispirazioni.

.

23 febbraio del 2005

 .

La Mente Subconscia e la Mente Conscia, compresa l’Anima, non generano le loro proprie idee, pensieri, sentimenti ed azioni. Come abbiamo notato prima, loro sperimentano indirettamente, attraverso le memorie ricorrenti e le Ispirazioni. Ma gli uomini possono costruire cose che vanno oltre il loro utilizzo, pulendo dallo scopo delle cose stesse.

É essenziale considerare che l’Anima non genera esperienze per conto proprio. Cioè vede quello che vedono le memorie, sente come sentono le memorie, si comporta come si comportano le memorie, e decide quello che decidono le memorie. O, raramente, vede, sente, si comporta e decide come l’Ispirazione vede, sente, si comporta e decide! Per risolvere un problema é cruciale considerare che non sono il corpo o il mondo i problemi stessi, ma sono gli effetti, le conseguenze delle memorie ricorrenti della Mente Subconscia!

.

Chi è il responsabile?

.

Povera Anima, il Centro della mia terra peccatrice,

(Schiavo di) questi poveri ribelli che schieri,

Perché peni interiormente e soffri la miseria,

Dipingendo i muri esterno in modo così costosamente gioioso?

Shakespeare, Poeta

.

12 marzo del 2005

 .

Il Vuoto è il fondamento della Identità del Sé, della Mente, del cosmo. È lo stato precursore per l’infusione dell’Ispirazione dalla Divina Intelligenza e nella Mente Subconscia. Tutti gli scienziati sanno che il cosmo è stato generato dal nulla, e che ritornerà al nulla da dove è Venuto. L’Universo inizia e finisce con lo zero.

Charles Seife, ZERO: The Biography of a Dangerous Idea

.

ALOHA

 .

Questo report è liberamente distribuibile a condizione di non modificare in nessuna parte il contenuto e citando sempre la fonte. ©  www.ho-oponopono.info

.

Sebastiano.

.

HO’OPONOPONO: COME CANCELLARE LE MEMORIE


 .

IL METODO DI GUARIGIONE HO’OPONOPONO – 14

 .

 

La matita con la gomma sul retro per cancellare le memorie

 

 .

Un altro strumento molto utile è la matita con gomma da cancellare. Usa la punta con la gomma per picchiettare le cose che senti che contengono un carico negativo.

Questo “carico” ha a che vedere con qualche memoria presente in te che si sta presentando alla tua attenzione appunto per essere pulita. Questo processo è molto produttivo per i debiti, per le riscossioni, per i contratti, per le multe, per le bollette, ecc. In questo caso non è raccomandabile toccare le persone.

Puoi usare un comunissimo quaderno e scrivere i problemi da trattare. Metti la data sulla pagina, chiudi il quaderno e picchietta con la gomma sulla copertina del quaderno, chiedendo alla Divinità che neutralizzi in te qualunque memoria che possa provocare i problemi a cui il contenuto del quaderno si riferisce. Pensa continuamente le frasi consuete.

.

Ci sono persone che preferiscono una busta, invece del quaderno. Se stai passando continuamente alle bollette e ai conti da pagare, mettili in una busta o scrivi sul quaderno, quindi con la gomma picchietta la busta o il quaderno, pronunciando le parole Ho-oponopono e chiedendo alla divinità che cancelli questi problemi dalla tua vita.

Ricorda sempre che tu non stai per ottenere dei risultati prestabiliti. Non lo stai facendo per avere denaro per pagare i conti, per ottenere quell’impiego, o quella promozione.

.

Tu non stai pulendo per ottenere che tizia o tizio, ti chieda perdono. Tu stai chiedendo alla Divinità che pulisca le memorie in te che, in questo momento, stanno creando i problemi nella tua vita: le ansietà, i conflitti, le diffidenze, ecc. Non importa sapere da dove viene il problema, da chi, o perché.

È difficile che l’intelletto si apra con fiducia, ma con la pratica di Ho-oponopono sarai testimone che Dio sa molto meglio di te quale è la soluzione migliore per tutti.

.

ALOHA

 

.

Questo report è liberamente distribuibile a condizione di non modificare in nessuna parte il contenuto e citando sempre la fonte. ©  www.ho-oponopono.info

******************************************************************

 

P.S.  Questo Post, benchè pubblicato non lo condivido. E’ stato pubblicato solo per completezza d’informazione. Sebastiano. 

 .

HO’OPONOPONO: IL POSTER DEL DR. LEN


.

IL METODO DI GUARIGIONE HO’OPONOPONO – 13

.

Il Poster Ho-oponopono

.

Un altro strumento interessante può essere l’utilizzo di un Poster.

.

Potete trovarlo qui:

.

http://hooponoponoinsights.wordpress.com/2008/08/15/free-hooponopono-poster-of-dr-hew-len-with-built-in-hooponopono-cleaning-phrases/

.

Appendi il poster alla parete e quando lo guardi ti focalizzi già sulla pulizia interiore. Se hai qualche problema, guarda l’immagine ed immediatamente neutralizzi, cancelli la memoria, origine del problema. Il poster in sé è calamitato con l’energia del significato delle frasi, grazie all’attenzione focalizzata su di esse quando l’immagine fu prodotta.

.

È uno strumento poderoso. Ripeti le frasi, per il tempo che ritieni opportuno, guardando il poster. La cosa bella è che, quante più persone vedono questi Posters Ho-oponopono, tante più persone praticano Ho-oponopono con i posters, e tanto più forte è l’effetto riparatore.

.

Questo accade perché l’immagine originale è come se fosse una fonte di energia, un’antenna trasmittente, ed è connessa con tutte le copie esistenti. La sensazione di benessere, di trasformazione è moltiplicata in maniera esponenziale per la attenzione e l’ apprezzamento di molti.

.

ALOHA

.

Questo report è liberamente distribuibile a condizione di non modificare in nessuna parte il contenuto e citando sempre la fonte. © www.ho-oponopono.info

.

Il mio nuovo sito http://www.scuoladellasalute.it/

.

Sebastiano.

.

Argomenti Correlati:

.

HO’OPONOPONO: CHI E’ IL RESPONSABILE?

COME FARE HO’OPONOPONO

HO’OPONOPONO: LE ASPETTATIVE DELLA MENTE COSCIENTE

HO’OPONOPONO PORTA PACE NEL CUORE

HO’OPONOPONO: IL SEGRETO OLTRE THE SECRET

HO-OPONOPONO DELL’IDENTITA’ DEL SE’

HO’OPONOPONO: OLTRE LA LEGGE DI ATTRAZIONE

CARO AMICO TI SCRIVO – HO’OPONOPONO

COSA POSSO FARE PER GUARIRE?

HO’OPONOPONO: ALOHA, LA PERSONIFICAZIONE DEL DIVINO

HO’OPONOPONO: GUARIRE SE STESSI PER GUARIRE GLI ALTRI

HO’OPONOPONO: L’INSEGNAMENTO

SEMINARIO DI HO’OPONOPONO DAL VIVO – 1/9

HO’PONOPONO IN PRATICA

HO’OPONOPONO: METODO DI GUARIGIONE COMPLETA PSICO-FISICA

,

HO’OPONOPONO: COME CANCELLARE LE MEMORIE

HO’OPONOPONO: COME CANCELLARE LE MEMORIE

CHIARIMENTI SULLA TECNICA HO’OPONOPONO “TI AMO”

HO’OPONOPONO: SOLUZIONI FACILI

PROCEDIMENTO BREVE HO’OPONOPONO

HO’OPONOPONO: METODI, ESPERIENZE, RISULTATI

IL MANTRA HO’OPONOPONO: MI DISPIACE, PERDONAMI, GRAZIE, TI AMO

HO’OPONOPONO: COME FARE E CAPIRE LA TECNICA

HO’OPONOPONO di JOE VITALE

IL CONTROLLO DEL DOLORE

.

HO’OPONOPONO: RESPIRAZIONE “HA” ed ACQUA SOLARIZZATA


.

IL METODO DI GUARIGIONE HO’OPONOPONO – 12

.

La Respirazione “Ha”

.

Il significato della parola “Hawai”  è  “Il soffio l’ acqua del Divino.”

Il processo di respirazione “Ha” è semplice da fare ed è uno dei sistemi di cancellazione delle memorie.

L’operazione è la seguente: Seduto comodamente, le piante dei piedi appoggiate a terra e la schiena retta; Inspira lentamente senza cambiare posizione, espira contando mentalmente fino a 7. Mantieni i polmoni vuoti contando ancora fino a 7. Ripeti il processo 9 volte.

.

Puoi unire anche il dito indice al pollice di ogni mano, formando un cerchio ed intrecciarli, come il simbolo “infinito”. Mantieni questa posizione durante il processo.

Respira senza forzare, per non iperventilare, cosa che provocherebbe stordimento e malessere. Pensa le frasi:

.

“Mi dispiace , Perdonami, Ti amo, Grazie!”

.

Il Dr. Len afferma che questo processo può eliminare lo stato di depressione.

.

Acqua Solarizzata blu

.

Bere molta acqua è una meravigliosa pratica per risolvere i problemi, in particolar modo se è acqua solarizzata blu. L’acqua solarizzata blu è acqua (anche del rubinetto) esposta ai raggi solari per almeno un’ora in una bottiglia di vetro blu con un tappo non metallico.

Quanto più l’acqua sarà rimasta al sole, tanto maggiore sarà la sua potenza. In caso di tempo nuvoloso, si può supplire con una potente lampada ad incandescenza. La solarizzazione dipende dal fattore temperatura, dalla posizione geografica e dall’ora del giorno.

.

Philip M. Chancellor suggerisce di mettere un cubetto di ghiaccio nel recipiente d’acqua da solarizzare. Quando il ghiaccio si è sciolto a causa dell’esposizione al sole, l’acqua si è caricata. L’acqua conservata in un recipiente di questo colore mantiene le sue proprietà da una settimana a 10 giorni.

L’acqua solarizzata dovrebbe essere sempre sorseggiata, ma va bene anche per le tisane o per lavare la verdura ecc. Quanto più l’acqua è fredda, tanto maggiore sarà la sua capacità di accumulazione.

.

Come il procedimento con le frasi, l’Acqua Solarizzata Blu pulisce le memorie nella Mente Inconscia. Bevila spesso, ad ogni occasione.

Osserva la tua reazione all’uso dell’Acqua Solarizzata Blu. In alcune persone l’effetto è quello di un processo di disintossicazione psichica e fisica molto accentuata.

.

Fragole e Mirtilli

.

Questi frutti cancellano le memorie. Si possono mangiare freschi o secchi, possono essere consumati come marmellata, o sciroppo sul gelato!

.

ALOHA

.

Questo report è liberamente distribuibile a condizione di non modificare in nessuna parte il contenuto e citando sempre la fonte. ©  www.ho-oponopono.info

.

Il mio nuovo sito http://www.scuoladellasalute.it/

.

Argomenti Correlati:

.

HO’OPONOPONO: CHI E’ IL RESPONSABILE?

COME FARE HO’OPONOPONO

HO’OPONOPONO: LE ASPETTATIVE DELLA MENTE COSCIENTE

HO’OPONOPONO PORTA PACE NEL CUORE

HO’OPONOPONO: IL SEGRETO OLTRE THE SECRET

HO-OPONOPONO DELL’IDENTITA’ DEL SE’

HO’OPONOPONO: OLTRE LA LEGGE DI ATTRAZIONE

CARO AMICO TI SCRIVO – HO’OPONOPONO

COSA POSSO FARE PER GUARIRE?

HO’OPONOPONO: ALOHA, LA PERSONIFICAZIONE DEL DIVINO

HO’OPONOPONO: GUARIRE SE STESSI PER GUARIRE GLI ALTRI

HO’OPONOPONO: L’INSEGNAMENTO

SEMINARIO DI HO’OPONOPONO DAL VIVO – 1/9

HO’PONOPONO IN PRATICA

HO’OPONOPONO: METODO DI GUARIGIONE COMPLETA PSICO-FISICA

CHIARIMENTI SUL H0′OPONOPONO

HO’OPONOPONO: COME CANCELLARE LE MEMORIE

HO’OPONOPONO: COME CANCELLARE LE MEMORIE

CHIARIMENTI SULLA TECNICA HO’OPONOPONO “TI AMO”

HO’OPONOPONO: SOLUZIONI FACILI

PROCEDIMENTO BREVE HO’OPONOPONO

HO’OPONOPONO: METODI, ESPERIENZE, RISULTATI

IL MANTRA HO’OPONOPONO: MI DISPIACE, PERDONAMI, GRAZIE, TI AMO

HO’OPONOPONO: COME FARE E CAPIRE LA TECNICA

HO’OPONOPONO di JOE VITALE

IL CONTROLLO DEL DOLORE

.

HO’OPONOPONO: ALOHA, LA PERSONIFICAZIONE DEL DIVINO


IL METODO DI GUARIGIONE HO’OPONOPONO – 11

 

.

La Personificazione del Divino e il non giudizio

 

 .

Il Dr. Len ci chiarisce che la profonda parola hawaiana “Aloha” significa: Stare alla presenza (Alo), della cosa Divina (Ha). Egli dice che quando diciamo Aloha a qualcuno, stiamo riconoscendo che quella persona è il Divino personificato. Il Dr. Len vuole vivere lo stile di vita Ho-oponopono, per questo egli si ripulisce continuamente, riconoscendo che tutto nella sua vita è la Divinità personificata.

Egli sostiene che non passa un giorno nel quale non si presenti qualche difficoltà da trattare con Ho-oponopono. Quando riusciamo a vedere il mondo da questo punto di vista, è impossibile guardare qualcuno e giudicarlo, avere qualche preconcetto, in base alla sua “classe sociale”, alla sua origine, al suo modo di esprimersi, al suo lavoro, alle sue convinzioni, ecc.

.

 L’UOMO E’ UNA MANIFESTAZIONE DI DIO

.

Quella persona è Dio personificato che si è manifestato in quella forma, con quei limiti e in quel contesto, ricco, povero o quello che sia. È bene ricordare che quando reagiamo a quello che qualcuno fa, lo critichiamo o lo giudichiamo, è perché lo stesso atteggiamento esiste dentro noi, sono le memorie, l’ energia che condividiamo con quella persona a provocare la nostra reazione e il suo comportamento.

Una situazione di questo genere non è altro che un’ottima opportunità per ripulirsi.

 .

HO’OPONOPONO CREA PACE E SERENITA’

.

“L’unica maniera definitiva che ho per trovare una pace duratura è facendo Ho-oponopono, e, se io arrivo a trovare la pace e la serenità, la situazione si estenderà a tutto quello che mi circonda. Pertanto quando noto qualunque cosa che posso percepire come un problema, mi domando:

.

“Che cosa c’è in me che devo riparare?”

.

“Le persone compaiono nella nostra vita esclusivamente per mostrarci come siamo dentro, se siamo sulla retta via o no. Poiché noi non lo sappiamo con certezza se siamo sulla strada giusta, è meglio ripulirsi ogni volta che ce n’è l’occasione.”

Cercare di aiutare le persone parlando con loro, non aiuta, o meglio non risolve, diciamo che possiamo vederlo come un analgesico, fa passare un po’ il dolore, ma non lo cura. Con Ho-oponopono, io porto la pace in me stesso, e di conseguenza tutti quelli che mi circondano saranno nello stesso stato.

Il Dr. Len insegna vari metodi per ripulirsi nel suo Workshop Ho-oponopono.

La cosa principale è l’uso delle frasi:

.

“Mi dispiace. Perdonami. Ti amo. Grazie.”

L’Ho-ponopono incessante del quale il Dr. Len parla, cioè ripetere mentalmente queste frasi, prima e durante tutto quello che si fa, è uno strumento portentoso.

.

ALOHA

Questo report è liberamente distribuibile a condizione di non modificare in nessuna parte il contenuto e citando sempre la fonte. ©  www.ho-oponopono.info

.

Visita il mio nuovo sito http://www.scuoladellasalute.it/

.

Sebastiano

.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: